Turismo

Abruzzo

L’Abruzzo è una regione dell’Italia meridionale (sebbene geograficamente possa anche essere considerato centrale) con una superficie di 10.763 km quadrati e una popolazione di 1,3 milioni. Confina a nord con le Marche, a ovest con il Lazio, a est con il Molise e a est con il mare Adriatico.

L’Abruzzo è conosciuto come “la regione più verde d’Europa” in quanto un terzo del suo territorio, il più grande d’Europa, è riservato ai parchi nazionali e alle riserve naturali protette: ci sono tre parchi nazionali, un parco regionale e 38 riserve naturali protette. Questi assicurano la sopravvivenza del 75% delle specie viventi d’Europa, comprese alcune specie rare. Da ricordare in oltre che la regione ospita il “Calderone”, il ghiacciaio più meridionale d’Europa.

 

 

 

 Province

L’Abruzzo è suddiviso in 4 province amministrative:

Provincia

Area (km²)

Popolazione

Densità (inh./km²)

Chieti

2,588

396,190

153.1

L’Aquila

5,034

308,876

61.3

Pescara

1,225

318,701

260.1

Teramo

1,948

308,769

158.5

Clima

Il clima abruzzese è fortemente condizionato dalla presenza del Massiccio montuoso Appenninico-Centrale, che divide nettamente il clima della fascia costiera e delle colline sub-appenniniche da quello delle fasce montane interne più elevate: mentre le zone costiere presentano un clima di tipo mediterraneo con estati calde e secche ed inverni miti e piovosi la fascia collinare presenta caratteristiche climatiche di tipo sublitoraneo con temperature che decrescono progressivamente con l’altitudine e precipitazioni che aumentano invece con la quota (come nel caso di Pescara, che a circa 10 m s.l.m. ha temperature medie di circa 15 °C e piogge annuali intorno ai 700 mm, e Chieti, che, posta su un colle a 330 m s.l.m., pur presentando temperature medie simili, registra precipitazioni molto più copiose, con valori annui di circa 1000 mm).

Anche le precipitazioni difatti risentono fortemente della presenza delle dorsali montuose appenniniche della regione: aumentano con la quota risultando più abbondanti nel settore e sui versanti esposti ad occidente, decrescendo invece verso est e sui versanti esposti ad oriente. Spesso le coste adriatiche rimangono in ombra pluviometrica da ovest per l’effetto di sbarramento dell’Appennino subendo l’azione dei venti miti da esso discendenti (Libeccio o garbino).

In inverno le precipitazioni sono per lo più nevose dalle quote medio-basse in su e occasionalmente fin sulle coste in occasione di eventi freddo-umidi (episodi di ‘burian’ e ‘rodanate’).

 

 

 Parchi

In Abruzzo vi sono tre parchi nazionali, un parco regionale e 38 aree protette tra oasi, riserve regionali e riserve statali. In totale il 36,3% del territorio regionale è sottoposto a tutela ambientale. Nel territorio dimora il 75% delle specie animali presenti in Europa ed è patria di alcune specie rare come l’aquila reale, il lupo abruzzese il camoscio d’Abruzzo e l’orso marsicano. In proposito si può parlare di un vero e proprio sistema protezionistico di interesse europeo, infatti il complesso sistema di aree protette abruzzese prosegue a nord con il parco nazionale dei monti Sibillini nell’appennino umbro-marchigiano.

 

 Sul territorio abruzzese sono presenti i seguenti parchi nazionali e uno regionale:

La struttura delle aree protette comprende in Abruzzo, oltre i parchi nazionali e quello regionale, fra le 38 riserve statali, riserve regionali, Oasi WWF e parchi territoriali attrezzati gestisce diversi biotopi di interesse scientifico, i quali nonostante di dimensioni territoriali a volte ridotte, presentano aspetti di notevole interesse scientifico e naturalistico e completano il sistema delle aree protette della regione. Le riserve tutelano complessivamente l’1% del territorio regionale e sono gestite dai comuni, che nella maggior parte dei casi si avvalgono di comitati allargati ad altri enti e associazioni in grado di avviare progetti di rilevazione e studio delle specie floristiche e faunistiche. Alcune riserve regionali si sono dotate di organi di gestione che prevedono oltre al rispetto delle norme di tutela, strumenti di pianificazione e programmi di valorizzazione dell’area protetta. Il sistema costituisce uno strumento di pianificazione ambientale, un laboratorio permanente di ricerca scientifica in cui sono stati realizzati importanti progetti faunistici dell’Appennino, con il ripristino dell’ecosistema e il reintegro di specie da tempo scomparse.

 

OhFrechete - Milano Arrosticin

GRATIS
VISUALIZZA